+ Udito

Ascolta e rilassati con la blue meditation.

+ Olfatto

A seconda che il tuo percorso sia Sensitive (se non presenti un aggravio dell’infiammazione) o Regenesis (dispositivo medico da utilizzare nei picchi di infiammazione), puoi aiutarti con l'aormaterapia: gli oli essenziali sono l'anima delle piante e veicolano specifiche informazioni. Se il tuo problema sfoga sulla parte alta del viso (fronte, tempie, sotto gli occhi), usa del Basilico Indiano o dell’Ylang-ylang. Se invece sfoghi di più sulla zona centrale (guance, naso) i tuoi oli essenziali sono Camomilla romana e Legno di sandalo. Se invece l’irritazione si concentra su mento, bocca, collo, scegli Vetiver, Patchouli o Sugandha Kokila.

Applica qualche goccia di olio essenziale sulle mani e riscaldale sfregandole tra di loro velocemente, per poi avvicinarle al viso senza toccarlo. Fallo chiudendo gli occhi, espira e inspira lentamente cinque volte.

Questi oli essenziali ti aiuteranno anche durante la giornata: sono perfetti anche in diffusione.

+ Vista

Quando parla, il corpo non mente. La sua è una lingua antichissima, esistita da sempre, e destinata non morire mai. In psicodermatologia è noto il ruolo che lo stress e altri problemi psicologici giocano in malattie come acne, psoriasi, eczema, prurito, orticaria e altri problemi della pelle: le emozioni negative generate dai problemi dermatologici non fanno altro che esacerbare le problematiche della pelle, creando un circolo vizioso.

Muovi il cursore e scopri l’emozione che si cela dietro la tua problematica.


Fronte

Se l’infiammazione si trova in quest'area del viso (fronte, tempie, sotto gli occhi) indica ESAME e GIUDIZIO. La fronte è luogo della riflessione, della preoccupazione e dei dubbi. In particolare gli occhi sono il territorio dello sguardo, dell’osservazione, dove l'approccio alla vita è vissuto sotto la lente dell'analisi e del giudizio.

Somatizzare in questa zona indica che tu fai del ragionamento o del rimuginare il tuo approccio al mondo. 


Guance

Se l’infiammazione si trova in quest'area del viso (guance, area fino a sotto il naso) indica una parte che esprime la nostra capacità emotiva come AMORE, DISPERAZIONE, RABBIA. È coinvolto anche il naso, quindi l’olfatto, da cui dipende la nostra capacità di "annusare l’aria che tira" e di orientarci. È il nostro FIUTO, le sensazioni, le emozioni legate ad esso che proviamo.

Somatizzare in questa zona indica che c’è troppo controllo: non riesci a trasformare le emozioni. In psicosomatica quest’area non a caso è associata agli organi di trasformazione (stomaco, fegato, ecc).


Mento

Se l’infiammazione si trova in quest'area del viso (mento, bocca, collo fino al décolleté), la parte collegata è una dimensione intima e profonda. Quest'area si lega agli impulsi arcaici: la FAME, L'AGGRESSIVITÀ, IL PIACERE. È quindi anche legata alla SESSUALITÀ e agli ORMONI. Somatizzare in questa zona indica che c’è un problema in qualche modo legato alla tua capacità di godere della vita e dei piaceri. Gli squilibri ormonali sono inoltre associati al secondo Chakra, e ci suggeriscono un'incapacità nel saper vivere i cambiamenti in modo positivo, nel godersi la vita, vivere di piaceri anziché sempre di doveri.

+ Tatto

Attraverso semplici manualità ti aiuteremo a stimolare quella parte del piede associata a sentimenti ed emozioni che sfogano sul tuo viso, non a caso in specifiche aree. È la riflessologia tenso-plantare, di cui ora ti diamo indicazioni.

Mettiti comoda: inizia con un bel pediluvio per allentare le tensioni della giornata.

Ora siediti sul letto o sul divano e afferra i tuoi piedi con le mani: puoi esercitare le manualità su entrambi i tuoi piedi, contemporaneamente.

Immagina la pianta del tuo piede come se fosse un viso e dividila mentalmente in tre parti: la parte alta del piede sarà quindi associata alla fronte, la parte centrale alle guance, la parte bassa alla bocca, mento e alla gola. A seconda che il tuo problema sfoghi sul tuo viso in una di queste tre aree, concentrati su quella ed esegui la digito pressione. Con il pollice simula il movimento di un timbro, premendo ora delicatamente ora più marcatamente, e abbi cura di esercitare la pressione da un lato all’altro della zona trattata. Esegui più volte. 

+ Gusto

L’infiammazione può essere affrontata anche con l’aiuto della Natura. La Tisama Lakshmi Brucior svolge un’azione lenitiva contro ogni tipo di infiammazione e può essere utilizzata in casi di pelle sensibile, couperose e acne. Realizzata con estratti a freddo di piante totalmente privi di alcol e provenienti da coltivazioni biologiche controllate, è un vero e proprio elisir di bellezza e salute. Camomilla, Altea, Melissa, Angelica, Anice stellato, Calendula lavorano in sinergia per abbassare il tuo livello di infiammazione. 

Ti consigliamo di assumere Tisama Brucior durante i cambi di stagione, in un litro mezzo di acqua, 20 ml (1 tappino dosatore) da consumare durante la giornata, per spegnere l'infiammazione dall'interno. La dose di Tisama andrebbe gradualmente duplicata nelle settimane successive, fino a un massimo di 80 ml (che equivalgono a 4 tappini dosatori), sempre disciolti in 1 litro e mezzo di acqua da bere durante la giornata. Non superare le dosi consigliate. Per ulteriori informazioni chiedi alla tua estetista di fiducia Lakshmi.

Se oltre all’infiammazione è presente couperose e capillare fragili, ti consigliamo la Tisama Legs, che grazie al Rusco e la Vite rossa andrà a favore la funzionalità del microcircolo con un’azione antinfiammatoria e astringente a livello capillare.